La scuola dell’obbligo: un luogo dove imparare a vivere

Di Rosa Armocida “LA SCUOLA DELL’OBBLIGO: UN LUOGO DOVE INNANZITUTTO INSEGNARE/IMPARARE A VIVERE. IL TEMPO PIENO OGGI.” Il titolo di questo incontro ha suscitato in modo particolare il nostro interesse, poiché ci consente di riprendere alcuni concetti, per noi fondamentali, che abbiamo sviluppato nel nostro testo “A SCUOLA CONTROMANO”. Approfondimenti psicopedagogici per la scuola di […]

Quella prima volta che sono entrata in ArsDiapason…

di Emilia de Rienzo Tante volte, frequentando associazioni, ambulatori, servizi di territorio, mi sono chiesta come mai questi ambienti, finalizzati alla cura e alla ricerca del benessere della persona in difficoltà, fossero molto spesso così asettici e anonimi, a volte addirittura tristi e comunque luoghi dove, chi dovrebbe sentirsi accolto, si sente invece, spesso, respinto […]

Essere diverso non sta al posto di pericoloso, la testimonianza di un ragazzo

di Emilia de Rienzo Bisogna farli parlare, farli scrivere i ragazzi. Ma devono scoprire la scrittura come un mezzo per esprimersi. All’inizio forse fanno errori, le loro frasi sono confuse e sconnesse, scrivono così come sanno o hanno imparato. Di errori ne fanno tanti, correggerli senza una strategia didattica più complessiva è certo possibile, ma […]

Due parole sull’apprendimento (da un corso di formazione)

De Leo: Conosco la scuola dall’esterno attraverso i bambini, attraverso i loro vissuti; attraverso anche gli insegnanti, visto che ci occupiamo, nell’associazione in cui lavoro, anche di formazione per la prevenzione. In particolare ci occupiamo dei processi di apprendimento in funzione della prevenzione e non solo dell’integrazione. Infatti quando parliamo di bambini con disturbi della apprendimento, […]

Incontro a Cuneo presso “La casa del delfino”

Dopo alcuni mesi di pausa, abbiamo ripreso a presentare il nostro libro “A scuola contromano”, ritornando a Cuneo per una iniziativa promossa dall’associazione “La casa del delfino”. Sono stati una quindicina i partecipanti piuttosto eterogenei. Sono state dei docenti a prendere la parola ed un paio di signore che avevano svolto altri lavori, tra queste […]